Come disinfettare una mascherina protettiva lavabile

Tra le tante precauzioni che le persone prendono per proteggersi da malattie infettive, la più usata e ricercata è l’utilizzo di una mascherina protettiva. Sul mercato se ne trovano di molti tipi, differenti per destinazione d’uso, forme e materiali. Nella maggior parte dei casi, le mascherine sono usa e getta, quindi indossate per un periodo di 8 ore vanno eliminate e sostituite con un’altra mascherina. Questo fa delle mascherine un prodotto altamente ricercato e di conseguenza poco reperibile, a causa di una produzione mondiale (nel periodo pre-Covid del tutto insufficiente per coprire una pandemia globale). Esiste un’alternativa valida, ma che al tempo stesso che faccia risparmiare?

Ultimamente sono state prodotte delle mascherine lavabili in grado di durare più giorni: dopo un primo utilizzo basta lavarle e disinfettarle e sono pronte per essere di nuovo indossate.

Quali sono i modi di lavare e anche disinfettare questo tipo di mascherine? Vediamo di rispondere a questa importante domanda con alcuni consigli su come lavare e disinfettare le mascherine protettive.

Come lavare le mascherine protettive lavabili?

Le mascherine lavabili sono prodotte da aziende diverse e di conseguenza con metodologie differenti: le mascherine riporteranno le relative istruzioni sul corretto modo di lavarle e sul numero di volte che possono essere riutilizzate.

In linea generale, per un lavaggio di un dispositivo di protezione, dobbiamo procurarci gli strumenti necessari per procedere: candeggina ed un litro d’acqua. Procediamo quindi a diluire la candeggina (in modica quantità) nel litro d’acqua che abbiamo preparato, così da creare una soluzione di sodio ipoclorito. L’ideale è utilizzare acqua calda. Dopo aver effettuato la prima operazione, passiamo col mettere a mollo le mascherine nella soluzione per un tempo di almeno 10 minuti. Lasciare poi che le mascherine si asciughino in un ambiente arieggiato. Per completare la fase di asciugatura, possiamo stirarle ad una temperatura che oscilla tra i 80-100 gradi centigradi con l’aiuto di un ferro da stiro o altri oggetti che producano vapore a quelle temperature (se di un materiale adatto a subire questo trattamento).

Come disinfettare le mascherine lavabili

Per sanificare il prodotto, è necessario lavarsi le mani per evitare ulteriori contaminazioni e prendere la mascherina con gli elastici e mai dalla parte anteriore. A questo punto si procede adagiando la mascherina su una superficie pulita trattata con sapone o disinfettante. Poi, spruzzare su tutta la superficie della mascherina una soluzione idro-alcolica al 70 %. Eseguire l’perazione su entrambi i lati della mascherina. Lasciare agire la soluzione per 30 minuti fino a che non sia evaporato tutto l’alcol.